Premiere | Nuova Mercedes Classe A

È finalmente giunto il momento di far cadere i veli che sino ad oggi hanno celato le forme della Nuova Mercedes Classe A!
Arrivata alla seconda generazione, mira a mantenere linee e carattere sportivo che le hanno garantito un enorme successo soprattutto tra i più giovani. Sì, ho detto seconda generazione. Diciamoci la verità, la prima Classe A del 1997 non ha assolutamente niente a che vedere con quella lanciata sul mercato nel 2012, sono come il bianco e il nero. Tuttavia per dovere di cronaca, la Nuova Classe A è in realtà arrivata alla quarta generazione.
Cosa cambia dunque in questa Nuova Classe A? La lista delle novità si preannuncia molto lunga!

Data: 2 Febbraio. Location: Amsterdam. Attesa: Trepidante.

La Nuova Classe A è forse una delle auto più attese di quest’anno e l’entusiasmo che si è creato intorno alla bestseller della casa di Stoccarda è tangibile. Da tempo girano foto spia dei “muletti” usati per i test, e la stessa Mercedes lancia sui social dei piccoli teaser per stuzzicare l’interesse.
È facile identificare i motivi delle aspettative molto alte che circondano quest’auto: è stata la principale artefice dello svecchiamento del marchio della Stella a tre punte. Prima dell’avvento della Classe A come la conosciamo oggi, chiunque mi parlasse di Mercedes lo faceva come di un’auto destinata ad un pubblico maturo, forse troppo maturo, e forse troppo serioso. Mercedes ha imparato a prendersi un po’ meno sul serio, senza però rinunciare allo charme che l’ha sempre contraddistinta. In poche parole, ha fatto un balzo nell’era moderna.
Come si declina perciò la nuova filosofia di Mercedes in questa Nuova Classe A? Certamente si declina a tutto tondo: i tecnici di Stoccarda hanno deciso di dotare di ogni briciolo della loro migliore tecnologia la Nuova Classe A, andando a definire un nuovo concetto di lusso per la categoria delle compatte. Ciò si ripercuote sia sugli esterni, che sugli interni.

INTERNI – Ritorno al futuro

Interni che sono spaziosi e… spaziali! Colpisce a prima vista il nuovo sistema di intrattenimento di bordo. Mercedes lo ha chiamato MBUX. Non il nuovo gioco Nintendo, ma la sigla che identifica questo nuovo ed innovativo sistema multimediale – Mercedes-Benz User Experience. Per la prima volta viene implementato nel software di un’automobile un sistema dotato di intelligenza artificiale, che permette al sistema di imparare giorno dopo giorno a conoscervi. Sì, avete capito bene, a conoscere voi utenti, per proporvi sempre a portata di dito i contenuti e le funzionalità che preferite.

L’inedito Voice Control funziona con riconoscimento non più di frasi preimpostate (che a volte era impossibile dare al vecchio Comand) ma della parlata comune, un po’ come fa Siri per gli iPhone, o Cortana per Windows. È possibile richiamare in ogni momento l’assistente vocale semplicemente dicendo “Hey Mercedes”. A gestire il sistema ci pensa un processore 6 Core da 8 GB di RAM abbinato ad una scheda grafica NVIDIA. Tutto ciò è necessario perché sulla Nuova Mercedes Classe A sono di serie due schermi da 7 pollici (Widescreen Cockpit), uno di fronte agli occhi del guidatore, e un secondo al centro della plancia, a disposizione di tutti i passeggeri; tutti e due sono circondati da una spessa cornice nera che li unisce e li tiene sullo stesso piano. Come optional è possibile tramutare in schermi da 10 pollici o uno o entrambi i due di serie, così da rendere ancora più premium e futuristico il look degli interni.

Visto che stiamo parlando di interni, spostiamo l’attenzione sulle nuove bocchette dell’aerazione. Un vero capolavoro di design. Restano tre, al centro della plancia, ma sembrano uscite da un film di fantascienza. In Mercedes sono riusciti ad integrare i LED dell’illuminazione d’ambiente all’interno dei dettagli delle bocchette. Illuminazione che è assoluta protagonista dell’abitacolo, con fasci di LED che avvolgono ancora di più gli occupanti e che possono essere regolati a proprio piacimento in ben 64 diverse colorazioni, contro le 16 attuali. Degni di nota sono anche i materiali scelti, un misto di pelle, gomma e plastiche morbide e di qualità. La plancia ora è raccordata molto meglio ai pannelli porta, tramite il congiungimento delle modanature che la ornano alla parte alta delle portiere, laddove trovano spazio i comandi elettrici dei nuovi sedili. Mercedes non ha voluto stravolgere il look dei sedili con poggiatesta integrato, e ha fatto decisamente bene; restano avvolgenti e comodi, il tipico concetto di “comfort” tedesco che tutti conosciamo. Disponibile a richiesta anche la funzione di massaggio, oltre a quella di climatizzazione della seduta.

ESTERNI – Cambia pelle ma è sempre lei

La Nuova Mercedes Classe A resta fedele a se stessa ma migliora sotto tutti i punti di vista. È cresciuta in lunghezza 13cm, arrivando a 442cm e la linea del tetto è meno spiovente: ne beneficia l’abitabilità sia per la testa che per le gambe dei passeggeri posteriori (+ 3cm il passo). Anche la capacità del bagagliaio è aumentata fino a 370 litri, e la forma dell’apertura è regolare, non ci sono più i fari a limitarne l’ampiezza, fari che ora somigliano vagamente a quelli della GLA. Le linee della carrozzeria non sono state stravolte, al colpo d’occhio si riconosce immediatamente come una Classe A, tuttavia il frontale trae profonda ispirazione dalla Concept A Sedan, presentata lo scorso anno al Salone di Shanghai e che lasciava presagire un cambio di rotta nel design delle future Mercedes. La Nuova CLS ne è stata la conferma.

Notevole il coefficiente di penetrazione aerodinamica (Cx) che grazie agli studi in galleria del vento è stato abbassato a 0,25. Ciò distanzia di netto Mercedes dai competitors; ne beneficiano enormemente i consumi e la rumorosità all’interno dell’abitacolo, oltre ovviamente alla stabilità a medie e alte andature. Ci sono anche delle feritoie intelligenti dietro la mascherina, che si aprono o chiudono per agevolare il raffreddamento e migliorare l’aerodinamica.
Trovano spazio incastonati nel frontale i nuovi fari full LED intelligenti, optional, più sottili e allungati rispetto ai precedenti, hanno 18 punti luminosi che si possono spegnere singolarmente per non accecare. La griglia che ospita il logo della Stella è stata ribaltata, ora la parte più larga sta in basso, andando a stringersi verso l’alto. Inutile dire che le versioni dal look migliore sono le Premium per gli esterni, pensato per fornire aggressività alle linee e, indubbiamente, per spingere i clienti a sceglierlo! Il posteriore sfoggia nuovi fari, più larghi dei precedenti e di forma triangolare. L’aspetto distinto e sportivo che la caratterizzava a partire dalla scorsa generazione non è assolutamente venuto a mancare, nonostante i cambiamenti ci siano, eccome e stiano già dividendo molto i forum.

MOTORI – Le vere novità stanno sotto la pelle

Sotto al cofano della nuova compatta di casa Mercedes troviamo la solita gamma di motorizzazioni benzina e diesel, ma con aggiornamenti e novità, una delle quali inedita: una versione Hybrid, capace di viaggiare per 50 km in modalità EV, potrebbe arrivare sul mercato più avanti.

I motori si rinnovano completamente e incrementano prestazioni ed efficienza.
Un nuovo propulsore quattro cilindri turbo benzina da 1.4L e 163 CV è stato sviluppato dagli ingegneri di Stoccarda (A200), insieme ad un altrettanto nuovo 2.0L ad alte prestazioni (A250 da 224 CV).
Il diesel è un nuovo 1.5L da 116 CV che andrà ad equipaggiare la A180d.
Ulteriori nuove motorizzazioni diesel, quelle attualmente in servizio sulla Classe E (200 d e 220 d), dovrebbero arrivare successivamente al lancio, con potenze di 150 e 194 cavalli.

Ai propulsori possono essere abbinati un cambio manuale 6 marce (sulla A 200) o un automatico doppia frizione a 7 rapporti.
Mercedes ha rivelato che sarà disponibile una nuova versione AMG a metà strada tra le versioni comuni e la A45 (sulla quale i tecnici sono al lavoro e che probabilmente sfonderà la soglia dei 400 CV con il suo 2.0L che vedrà salire la potenza specifica ad almeno 200 CV/L) che prende il nome di A35. La potenza dovrebbe aggirarsi intorno ai 300 CV, per allinearsi alla concorrenza.
Disponibile a richiesta per alcune versioni anche la trazione integrale 4MATIC.

La Nuova Classe A verrà presentata al grande pubblico al Salone di Ginevra, dove sarà possibile toccarla con mano, ed arriverà sul mercato più avanti nel 2018, all’inizio dell’estate, con i prezzi che presumibilmente si alzeranno, vista la quantità di novità tecnologiche introdotte da Mercedes. Intanto da Marzo sarà possibile ordinarla in concessionaria. La domanda viene spontanea: è ancora oggetto dei vostri desideri?

  A 200 A 200 A 250 A 180 d
Trasmissione 7G-DCT Manuale 6 marce 7G-DCT 7G-DCT
Potenza (kW/CV) 120/163 120/163 165/224 85/116
a giri/min 5,500 5,500 5,500 4,000
Coppia massima (Nm) 250 250 350 260
A giri/min 1,620 1,620 1,800 1,750-2,500
Consumi, combinati (l/100 km) 5.1 5.6 6.0 4.1
Emissioni di CO2, combinate (g/km) 120 133 141 108
Accelerazione
0-100 km/h (s)
8.0 8.2 6.2 10.5
Velocità massima (km/h) 225 225 250 202
Lunghezza/larghezza/altezza (mm) 4,419/1,796/1,440 4,419/1,796/1,440 4,419/1,796/1,445 4,419/1,796/1,440
Passo (mm)                                                               2,729

 

, , ,

About Stefano Colleoni

23 anni, studente di Ingegneria Meccanica con la passione per tutto ciò che ha delle ruote e un motore! View all posts by Stefano Colleoni →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *