#8Marzo | Maria Teresa De Filippis, la prima donna a correre in Formula 1

Novant’anni fa nasceva Maria Teresa De Filippis, la prima donna al mondo a disputare un Gran Premio di Formula 1.
Donna bellissima, di nobili origini, nata a Napoli e figlia di un ingegnere automobilistico, Maria Teresa De Fillipis respira fin da bambina il profumo delle corse, con i suoi fratelli maggiori, Antonio e Giuseppe, impegnati in alcune corse automobilistiche locali.
Per raccogliere una sfida lanciata dai due fratelli, nel 1948 l’allora ventiduenne contessa De Filippis, partecipa alla sua prima gara automobilistica al volante di una Fiat Topolino. Nella Salerno-Cava de’Tirreni, nel sud Italia, conseguì una vittoria di categoria, mentre nei mesi successivi, partecipò a una seconda corsa in salita, dove si classificò seconda assoluta dicendo “Da sola contro i maschi”.

La passione per le corse e i motori è ormai entrata nelle vene di Maria Teresa De Filippis, alimentata da un gran talento al volante. Inizia quindi a correre nei campionati minori, su piccole vetture come Giaur e Urania nella classe 750, fino ad arrivare al 1954 quando si classifica seconda nel Campionato Italiano Piloti, perdendo il primato per un soffio a causa di un grave incidente che le causò la perdita dell’udito dall’orecchio sinistro.
L’adrenalina dei motori è però più forte della paura e nel 1955 torna in pista, questa volta con una scuderia ufficiale Maserati. A bordo di una barchetta Sport A6GCS/53, si classifica nuovamente al secondo posto del Campionato Italiano Piloti, categoria Sport.


Dopo due stagioni intense con la scuderia ufficiale Maserati, nel 1958 arriva il debutto in Formula 1, a bordo di una Maserati 250F, acquistata proprio da lei stessa. Il 18 Maggio 1958 esordisce nel Gran Premio di Montecarlo, qualificandosi sedicesima nelle prove, mentre il secondo giorno a causa di una rottura al motore e la mancanza di pezzi per la riparazione non poté partire.
Ma non si diede per vinta. Partecipò successivamente al Gp del Belgio, classificandosi decima (il suo miglior risultato in carriera) mentre dovette ritirarsi dai Gp del Portogallo e d’Italia, a Monza, per l’ennesima rottura del motore. Nell’ambiente esclusivamente maschile i piloti l’avevano soprannominata “pilotino”

Nel 1959 entra nel team di un suo grande amico, Behra-Porsche.  Prende parte alle qualifiche del Gran Premio di Monaco, ma non riesce a classificarsi nella griglia di partenza.
Nel Gran Premio successivo, quello di Germania sul circuito dell’Avus, assiste all’incidente mortale del suo Team Principal, nonché grande amico, secondo alcuni amante, Jean Behra.
Il dolore per la terribile perdita fu troppo grande per Maria Teresa che decise di ritirarsi dal mondo delle competizioni.

Fu un addio amaro, ma non abbandonò mai definitivamente la sua passione per i motori.
Anche da sposata, negli anni, ricoprì il ruolo di vice presidente della Société des Anciéns Pilotes, l’associazione ufficiale degli ex Piloti di Formula 1 e partecipò attivamente alla nascita del Maserati Club, un sodalizio ufficiale con la casa del Tridente che l’ha spesso utilizzata nei video promozionali delle sue ultime vetture.

“I ve been lucky enough to have spent the best of my life racing”.


Maria Teresa De Filippis è morta agli inizi del 2016, lasciando un gran segno nel mondo delle corse, un tempo meno patinato di oggi. Era nota per aggirarsi nei paddock con un inseparabile cane lupo “per tenere lontano gli scocciatori” diceva.Buon #8Marzo!

, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *